Le Moto a Palazzolo Acreide

Cari soci e cari amici ben trovati, finalmente ce l'abbiamo fatta, la prima uscita del 2016, è già stata archiviata ed è diventata ufficialmente un moto racconto. Non riesco a credere che siamo stati due mesi senza uscite, mai più, mi stavano vinennu i stinnicchi......ahahahahah.

\r\n \r\n

Prima di cominciare il nostro racconto, è bene rivolgere un sincero ringraziamento a Saria e Tiziana, le uniche due signore che con grande coraggio e dimostrando sincero attaccamento ai rispettivi mariti ( chissà se i mariti avrebbero fatto lo stesso......mah....io qualche dubbio in proposito l'avrei...), si sono presentate all'appuntamento e, sfidando il freddo e la possibilità di pioggia, si sono accomodate dietro i propri compagni.

\r\n

Che dire di più, cari Salvino e Peppe, siete due uomini fortunatissimi........tongue-out

\r\n

Dopo questo doveroso riconoscimento, parliamo del nostro primo evento, che da quest'anno ha preso il via dal nuovo punto di ritrovo, l'area di servizio "gb" con tanto di parcheggio e zona ristoro.

\r\n

Solito appuntamento dei centauri alle 07,00 e solita partenza alle 07,30 per un percorso che ha visto la truppa dirigersi verso Acate, Chiaramonte Gulfi, Giarratana fino a Palazzolo.

\r\n

La strada umida e scivolosa è stata il presupposto per un viaggio all'insegna della massima prudenza, sotto un cielo coperto che minacciava pioggia, intervallato da momenti in cui qualche raggio di sole riusciva a farsi largo nel cielo nuvoloso, e riflettendosi sull'asfalto bagnato rendeva il viaggio ancor più complicato.  

\r\n

Nonostante tutto, il percorso ci ha portato nel cuore dei monti Iblei, attraverso una campagna d'un verde acceso, ricca di profumi e di odori.

\r\n

La carovana è arrivata a destinazione in perfetto orario, e ad attenderci c'era la nostra guida, la sig.ra Mascha.

\r\n

Quest'arzilla signora dalle origini russe (la definirei un peperino), ha rapito la nostra attenzione raccontandoci la storia, gli aneddoti e le curiosità di questo piccolo ma meraviglioso paesino dalle antichissime origini.

\r\n

Tanto per cominciare, u friddu ni ruppi u.........pardon, l'ossa, tanto è vero che Carmelo Rullino e Carmelo Orange si ccattaru i birritta........i lana.......

\r\n

Con la differenza che Rullino si ccattau un birritto serio, mentre Orange si pigghiau na specie i preservativo scoppiato...ahahahahahahha (definizione di origine Valeriana, a buon intenditore poche parole.......il video vi svelerà l'arcano.....)

\r\n

Il giro turistico di Palazzolo è stato disturbato da una stupida pioggerellina che ci ha accompagnato per tutto il tempo, senza però distrarci più di tanto.

\r\n

Al termine, siamo stati accompagnati c/o una antica salumeria per qualche assaggio di prodotti tipici locali, che hanno riscontrato un fragoroso successo tra i soci.

\r\n

Completato il giro turistico, Mascha e suo marito ci hanno accompagnato fuori il paese, indicandoci la via per il ristorante La Trota, locale veramente carino ed accogliente dove abbiamo mangiato veramente bene.

\r\n

Il locale si sviluppa all'interno di una grotta, con attorno delle piscine dove è possibile pescare trote, storione e carpe.

\r\n

Terminato l'ottimo pranzo ci siamo sollazzati sul prato sotto un caldo sole che finalmente era riuscito a suarciare il grigio cielo della mattina.

\r\n

Anche in questa occasione il mitico Oize non ha perso l'occasione di raccontare tutte le avventure dei suoi viaggi, sottolineando quanto è bella e quanto è perfetta la sua motociclettona.....pardon il suo autobusso.......con, udiete udite, 180.000 km......a bonu cchiu.....

\r\n

Poi lo stesso Orze si è quasi incazzato quando ha saputo che il nostro scooterista Peppe, ha acquistato la sua nuova motocicletta, una Aprilia Capo Nord......non vi dico cosa non è uscito da quella bocca.......

\r\n

Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace.......sono certo che si è trattato di un acquisto consapevole.......

\r\n

Al ritorno abbiamo deciso di passare da Vizzini, salendo per Monte Lauro, dove ci sono le antenne televisive. 

\r\n

Approfittando del fatto che il cielo si era aperto, dando spazio ad un magnifico sole, questo percorso di ritorno è stato molto apprezzato.

\r\n

Ad un certo punto il gruppo si è spaccato e la truppa si è ritrovata a Caltagirone, dove è andato in onda il Nele Carano Show.

\r\n

Scendendo dalla motocicletta, con un movimento che ancora non riesco a spiegarmi, ha rotto la leva della frizione.......Nele Hulk........

\r\n

Fin qui, con tutti i dubbi del caso ancora ancora ci può stare.

\r\n

Quello che veramente stupisce è che, in un momento che potete immaginare di sgomento, cavolo si rompe la leva della frizione, non restava che chiamare un carro attrezzi, il buon Nele Hulk, nella sua mitica borsa degli attrezzi trova una leva di ricambio..........si, avete capito bene, una leva di ricambio.

\r\n

Con l'aiuto di Salvino Fru Fru, e di Antonio Pizzardi, nel breve giro di una ventina di minuti, veniva sostituita la leva e rimessa la motocicletta in strada.......fantastico.

\r\n

Ripartiti da Caltagirone verso le 19,00 eravamo a Gela.

\r\n

Foto di gruppo, saluto finale e via, tutti a casa dalle famiglie.

\r\n

Che dire, questa prima uscita mi è piaciuta un sacco, abbiamo visitato un bel posto, abbiamo mangiato in un ristorante caratteristico, e ci siamo divertiti un mondo, attraversando bei posti.

\r\n

Adesso ci proiettiamo al secondo evento, che sarà a..........sorpresaaaaaa.

\r\n

Un grazie a tutti voi e una menzione speciale a Nino che ci è venuto a trovare a Caltagirone.

\r\n

 

\r\n

Umberto