NIGHT & DAY…..LE MOTO AL FEDERICO II

Cari soci ben trovati, ieri abbiamo portato a termine il nostro tradizionale Night & Day, un evento ormai tra i più attesi di ogni anno del calendario Le Moto, perché diverso, perché unico, perché speciale, dalla partenza, quasi al tramonto con arrivo serale, al rientro, dopo una giornata di relax nelle strutture che ci ospitano.

\r\n \r\n

 

\r\n

Quest’anno la nostra partenza ha avuto un sapore particolare perché salutata dagli amici dell’ADAS Gela, che ci hanno accolto al nostro ritrovo in maniera calorosa, anche se già fuori c’erano più di 30° all’ombra……., ma soprattutto in maniera festosa, e di questo ovviamente li ringraziamo.

\r\n

Ringraziamo quindi i responsabili dell’ADAS, e ringraziamo ovviamente i soci che hanno contribuito ad arricchire gli elenchi dell’associazione, che svolge un ruolo fondamentale nell’ambito del sociale.

\r\n

Ma il tema dei ringraziamenti è lungo, e continua con le donne della nostra associazione, quelle che nonostante l’ora, nonostante il caldo, nonostante la scomodità di viaggiare in moto, e di portare un bagaglio ridotto all’osso, seguono i propri compagni in quest’avventura.

\r\n

Un grazie sincero va quindi alla sig.ra Lombardo, alla sig.ra Carvana, alla sig.ra Limontini, alla sig.ra Tabbì, a Lavinia, a Viviana, alle due Tiziana, a Concetta, a Saria, a Serena e a Maria Grazia.

\r\n

Poi ringraziamo i nostri soci, Neluccio, Davide, i due Peppe, Marcello, Carlo, Giovanni, Rocco, Nicolò, Savio, i due Carmelo (Vodafone e Rullino), Angelo Vanità, Tonino il Santo, Francesco, Salvino, il presidente ed il sottoscritto.

\r\n

Menzione speciale al nostro nuovo amico Valerio, un concentrato di pura passione motociclistica, venuto da Genova e aggregatosi subito alla truppa, con in corpo più di novecento km in due giorni, sotto un sole soffocante, me coioni………

\r\n

Un ultimo ringraziamento ovviamente alla struttura del Federico II che, con un preavviso di pochi giorni, è stata in grado di ospitarci cercando di offrirci un soggiorno all’altezza della sua fama.

\r\n

Terminata la lunga lista dei ringraziamenti possiamo cominciare a parlare del nostro giro, e che giro…..

\r\n

Come tutti quanti ormai sanno, il sottoscritto si occupa, tra le altre cose, anche di pianificare il percorso che gli amici soci dovranno poi affrontare.

\r\n

\r\n

\r\n

Capita anche che il sottoscritto faccia qualche escursione preventiva in solitario, per valutare il percorso in tutte le sue peculiarità.

\r\n

Il limite della nostra terra, se di limite si può parlare, ( per esempio io non lo inquadro propriamente come un limite), è che ci sono poche strade, che quelle stesse strade, seppur asfaltate, spesso sono carenti di manutenzione, o addirittura non ne ricevono da secoli, e che quindi le buche e gli avvallamenti possono presentare una seria insidia.

\r\n

Nel percorso affrontato vi era un breve tratto abbastanza insidioso, mi scuso per coloro che magari non lo hanno gradito, ma questa è la Sicilia, c’è il dolce, e c’è il salato……..

\r\n

Il giro nel suo complesso è scivolato via meravigliosamente bene, abbiamo passeggiato in mezzo ai boschi della Cimia, girando attorno al monte Formaggio che abbiamo visto da diverse angolazioni; abbiamo visto da lontano il castello di Mazzarino, conosciuto anche con il nome di “U Cannuni”; abbiamo attraversato Barrafranca e siamo entrati a Pietraperzia salendo fino al Belvedere, dove siamo arrivati nel momento più suggestivo, il tramonto.

\r\n

Poi siamo ridiscesi per poi risalire, quando ormai era già buio, in quel di Enna.

\r\n

In tutto questo giro la temperatura non è mai scesa sotto i 30°.

\r\n

E’ stata una bella passeggiata, e spero che sia piaciuta tanto a che a voi.

\r\n

La cena tutti seduti attorno a quell’immenso tavolo, quasi a sottolineare l’importanza dell’evento; i brindisi, con Carmelo che ha mollato i freni e ci ha dato dentro di brutto, seguito da qualche altro che si è fermato, fortunatamente, qualche bicchiere prima, e poi il Rullino Show prima e il Rocco Tabbì show dopo, con tanto di risate a crepapelle sulle sue avventure a Ibiza, dove ci sono spiagge per soli uomini, per sole donne e per etero, o negozi senza camerini e soprattutto, la scoperta più grande, è che a Ibiza non vendono biancheria intima…..che divertimento, che risate, che compagnia allegra e spensierata.

\r\n

La giornata, almeno per quel che mi riguarda è terminata alle 02.30 e sono andato a dormire stanco ma soddisfatto e poi in quelle enormi camere con quel meraviglioso letto a due piazze e mezzo…..che si dorme bene…..

\r\n

La domenica, lento risveglio, lenta colazione e poi velocemente in piscina a cercar refrigerio in quella che già dalle prime ore della mattinata si preannunciava come una giornata bollente…..

\r\n

Le foto, i video, sopra e sotto l’acqua, gli scherzi, le battute ed i racconti, hanno fatto volare il tempo, tant’è che ci siamo ritrovati nuovamente tutti attorno allo stesso tavolo, per continuare da dove avevamo lasciato, senza il vino però, che invece qualche segno lo aveva lasciato……

\r\n

Nel pomeriggio ancora piscina e ancora relax all’insegna del divertimento fino alle 18.00, dove consumato il rito della foto ci siamo rimessi in marcia speranzosi di trovare un po’ di frescura……ma quando mai, superata Piazza Armerina il caldo è aumentato e non ci ha abbandonato fino a Gela.

\r\n

Cosa rimane di questo Night & Day, e cosa avremmo voluto……

\r\n

Rimane un’esperienza positiva, anche se qualcuno potrebbe liquidarla come la replica dello scorso anno ed invece così non è stato; rimane il fatto che abbiamo trascorso un piacevole soggiorno e rimane il fatto che il moto club matura ogni volta di più.

\r\n

Avrei voluto tutti i soci al seguito, più chilometri in notturna, avrei voluto più tempo per stare con tutti voi, ma mi accontento di ciò che è stato, sperando di ritrovarvi sempre numerosi e sempre assetati e curiosi di vedere e di girare per nuove strade, alla scoperta di questa terra tanto dolce quanto salata…..

\r\n

 

\r\n

Un lampeggio a tutti e buone vacanze.

\r\n

 

\r\n

Umberto