Capitolo “Naviman OIZE”

Cari lettori, per questa particolare occasione ho deciso di dedicare un capitolo a parte al nostro OIZE, che io ho simpaticamente definito Naviman per la sua vera esperienza di navigatore e di giramondo.

\r\n

Ezio è persona di grande spessore, ma solo frequentandolo con una certa assiduità lo si può capire, infatti io ancora non l’ho capito…..ahahahhahah e forse non sono il solo……..

\r\n \r\n

 

\r\n

Il momento tragicomico della dipartita della mitica Goldwing, non è descrivibile attraverso un semplice racconto, anche perché tutti quanti eravamo seriamente preoccupati; preoccupati e confusi, con il povero Tonino, (non ha caso l’ho definito Santo che non suda, perchè per sopportare ad Ezio ci vuole uno con il suo fisico ed il suo carattere)……..che poverino le ha provate tutte pur di far ripartire l'’utobusso.…..ma senza alcun esito.

\r\n

Poi la parte più comica era quando sconcicava al telefono tutti gli amici Goldwing in rubrica i quali, giustamente, la prima domanda che gli facevano era:”

\r\n

Ma sei certo di aver messo la benzina?, non è che hai messo la nafta?” alla prima Ezio ha risposto con una certa calma, ma già alla seconda il tono della risposta diventava sempre più grave, al quindicesimo, tre quarti della famiglia del malcapitato interlocutore erano già battezzati…….”c’iaviti scassato i baddri……u vuliti capiri ca’ ci misi a benzina…..a chi sugnu bestia ca ci mittia a nafta?”….

\r\n

Le abbiamo provate tutte, ma la Goldwing, muta era e muta è rimasta.

\r\n

Capitolo carro attrezzi…..

\r\n

Ezio: “Pronto, si buona sera, sono rimasto in panne, dovrebbe mandarmi un carro attrezzi, ma ascolti guardi che io ho un Goldwing…450 kg di moto, u sta capennu chi vuol diri?”

\r\n

Operatore: “ma che sarà mai un Goldwing?”

\r\n

Non l’avesse mai detto……..

\r\n

Arriva Poldo…..vi giuro, un imbranato peggiore non ci poteva capitare…….non aveva cavi per imbracare, non aveva fermi per immobilizzare la moto, già mi vedevo quel Goldwing che alla prima curva finiva giù dal carro attrezzi in una saia……..

\r\n

Poldo: “dove dovete andare?”

\r\n

A Livorno, rispondiamo noi.

\r\n

Sapete la strada?

\r\n

No, mettiamo il navigatore?

\r\n

Poldo:”Si, io non conosco la strada!!!!!!!!!!”

\r\n

Minchia semu persi, pensavo tra me e me…….

\r\n

Capitolo officina….

\r\n

Moto sul ponte, Ezio che le girava attorno come si fa con un malato grave………

\r\n

La toccava, l’accarezzava, sperava che si potesse trattare di un danno lieve….

\r\n

In effetti quando il bravo Alessandro ha cominciato a smontare le candele ed ha trovato le prime tracce d’acqua, tutti quanti ci siamo per un attimo ripresi, intanto sapevamo già quale fosse il problema, anche se sui tempi di riparazione il buon Ale non ci dava grandi notizie.

\r\n

Ale: “ adesso dobbiamo smontare il serbatoio, ripulire la pompa degli iniettori, ripulire il circuito smontare la pompa della benzina….”

\r\n

Minchia…….Il guaio adesso appariva di nuovo più serio……

\r\n

Ezio era quasi svenuto sul ponte sotto la moto……

\r\n

Per farla breve, la dea bendata forse si è un po’ impietosita, ed ha deciso che il guasto si sarebbe risolto con un po’ di sana pazienza e, nel giro di 2 ore di lavoro, quel Santo cristiano è riuscito a far ripartire U Goldwing…..che sollievo per tutti noi……

\r\n

Ezio da cuntittizza ni paiau a cena …….. giuro che aveva un sorriso che non gli avevo mai visto, ma vi assicuro che tutti noi eravamo preoccupati e pronti ad aiutarlo in qualsiasi maniera.

\r\n

Questo è il lato di Ezio che più ci piace…….

\r\n

Caro Oize,  ti assicuro che per farci pagare una cena noi ti staremo sempre accanto………ahahahahhahahaha

\r\n

 

\r\n

Grande Oize

\r\n

 

\r\n

“lo so che stai pensando che sono un bastardo, ma ti voglio bene lo stesso……quanto un duluri di stomacu…ahahahahah”