“Le Moto” visitano Castellammare del Golfo

Salve a tutti soci e amici, ben trovati, o sarebbe meglio dire, ben tornati all’appuntamento con questa nostra rubrica che ha il pregio, o forse il difetto, di raccontare senza trascurare alcun particolare, le nostre gite e gli eventi organizzati dal nostro moto club.

\r\n

Ieri abbiamo dato vita al nostro calendario 2013, con il primo evento e cioè la visita a Castellammare del Golfo.

\r\n \r\n

 

\r\n

Comincio con il ringraziare i nostri soci, quelli che si sono iscritti a partecipare ( Ezio, Tonino, Pietro, Lino A., Giuseppe, Carmelo, Saverio, Giuseppe ADV, Lino C., Carlo, Pietro Maurilio ed il sottoscritto) e che hanno cominciato ad accumulare i punti validi per il nostro trofeo “Passione in moto”.

\r\n

Ricordo a tutti che i KM validi per questa prima tappa sono ben 560 e, se vale il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera” allora siamo partiti con il piede giusto.

\r\n

Menzione a parte per il nostro socio veterano Nele, detto “El Caran”, che presentatosi, come sempre del resto, in perfetto orario, sul più bello, quello di…..VENIRE……è stato tradito del suo…..mezzo…attrezzo ….e che ci volete fare, l’età a volte fa brutti scherzi…..ahahahahahahah….alla prossima Nele, siamo certi che non accadrà più.

\r\n

Dicevamo 12 motociclette, 13 partecipanti, + 2 amici di OIZE pigliati per strada ( pariano 2 impresari delle pompe funebri, moto nera,…vabbè moto,….autobusso nero, vestiti di nero,….tocco ferro ca è megghiu……hahahahah) che alle 07,00 si sono dati appuntamento alla Capannina….o comu schifiu si chiama ora…..e, in perfetto orario, hanno messo in moto i potenti bolidi per fare rotta verso Castellammare.

\r\n

Grande assente, e questa in assoluto è una novità, il freddo………

\r\n

Ma come min……chia può essere che il 20 gennaio alle 7.50 sulla Gela-CL ci siano 18 gradi!!!!…..paria maggio….e che dire di Tremmonzelli?15 gradi…….da non crederci!!!!……e l’area di servizio Caracoli?21 Gradi…….i muoriri!!!!………comunque, una giornata all’insegna di un imprevisto ma quanto mai fastidiosissimo caldo.

\r\n

Fastidioso perché il nostro abbigliamento pesante, e quindi inadeguato, ci permetteva di stare tranquilli durante il viaggio, ma quando si era fermi……….( a Piero ci spuntaru i fungi sutta i sciddri, a Lino C……vebbè ma Lino è un capitolo a parte, Lino rappresenta la parte nobile del nostro moto club, per lui le uscite dovrebbero durare il doppio per quanto ci impiega e vestirsi e a prepararsi, a mia invece mi squagghiaru i……………iammi, che avevate capito…..).

\r\n

Ore 10.30 e siamo all’appuntamento, e qui il bravo Maurilio mi futtiu, mi dice che l’appuntamento è al 171 di Corso Garibaldi ed invece era al 117, per cui ci siamo fatti un bellissimo giro in più per raggiungere la nostra scopetta, che sotto i baffi se la ride……

\r\n

Per una volta Lui, da ultimo della fila  arriva prima……..(bastardo dentro).

\r\n

Alberto, la nostra guida, si è reso subito disponibile e ci ha portato nei luoghi simbolo di questo meraviglioso borgo di pescatori, che si sviluppa su un costone di roccia a picco sul mare, e che domina questo splendido Golfo teatro di molti set cinematografici; da “Malacarne” al “Commissario Montalbano”, dalle “origini della mafia” al “Siciliano” fino ad alla celebre pellicola “Cefalonia”.

\r\n

Castellammare ed il suo Golfo con la vicina Tonnara di Scopello e di San Vito sono state la scenografia perfetta per queste pellicole di successo.

\r\n

Caratteristico il castello che sorge proprio sul mare, a difesa del borgo con tanto di ponte levatoio e, da alcune notizie letterarie, punto di riferimento per Segesta ed il suo emporio.

\r\n

Famosa è la sua scala a chiocciola, scavata all’interno della torre più alta, che guardandola dal basso appare proprio come il guscio di una lumaca.

\r\n

Alla fine del bellissimo giro, gli amici della “Scopello Tour” che ringraziamo di vero cuore, ci hanno deliziato il palato con alcune specialità della zona, che personalmente ho molto gradito.

\r\n

Ore 12.45 riprendiamo le nostre motociclette alla volta dell’agriturismo “Cacio e Cavalli” che ci attendeva con il suo “ menù da bunnanzia “ e, per dirla come il proprietario, meglio lasciare il cibo per sazietà che non per poco apprezzamento.

\r\n

Noi per non sbagliare ni mangiammu fino i cavigghi de seggi……

\r\n

Al termine del nostro lauto pranzo, decidiamo di riprendere la via del ritorno dalla statale, per cui ci dirigiamo verso Mazzara del Vallo.

\r\n

Bene, tutto il fastidioso caldo della mattina adesso si è trasformato in fastidiosissima pioggia, che non ci ha lasciato sino ad Agrigento, rallentando e non poco il passo della truppa che, complice anche qualche scelta poco felice del sottoscritto, ha di fatto allungato di qualche chilometro la via del ritorno.

\r\n

In ogni caso tutto è bene quel che finisce bene, (a parte il solito Lino che pi mittirisi a ncirata ci stesi na iurnata…….fa anche rima….ahahahahhah) ed anche per questa volta tutto è andato per il verso giusto.

\r\n

Ritengo di poter licenziare quest’evento come ben riuscito e, se faccio riferimento allo scorso anno, dove per motivi diversi (ricorderete lo sciopero, i forconi, il freddo ecc.ecc.) abbiamo saltato l’evento di gennaio, devo ritenere che l’organizzazione messa a punto da Maurilio, Enzo e company ha funzionato realizzando una piacevole gita.

\r\n

Bene, il nostro “moto  racconto” si chiude qui, non mi resta che dare le indicazioni per il proseguo del nostro calendario, che ci impegnerà in febbraio con la visita al Borgo di Savoca, provincia di Messina, arroccato sui Nebrodi e dal 2008 inserito nella lista dei “Borghi più belli D’Italia”.

\r\n

Approfitto di questo spazio anche per segnalare che ci siamo già attivati per l’evento di aprile, denominato “Giro D’Italia”, per il quale è opportuno sapere con l’argo anticipo il numero dei partecipanti per poter prenotare nave e camere d’albergo.

\r\n

A giorni faremo seguito con un comunicato, nel quale cercheremo di essere più precisi e dettagliati, ma nel frattempo, chi fosse interessato lo comunichi a Maurilio.

\r\n

Un lampeggio a tutti.

\r\n

Umberto